Figli dell’ecobio! Di DIY! Fratelli miei! Vedo nei vostri occhi la stessa paura che potrebbe afferrare il mio cuore! Ci sarà un giorno, in cui smetteró di provare tutti i tipi possibili di metodi alternativi allo shampoo, in cui abbandoneró l’eco bio, ma non è questo il giorno! Ci sarà l’ora del cessare di farsi con metodi casalinghi una maschera per i capelli, ma non è questo il giorno! Quest’oggi combattiamo! Per tutto ciò che ritenete ecobio su questa bella terra, v’invito a provarci!

(per chi non avesse afferato la citazione rivisitata era del Signore degli anelli, se non lo avete letto: LEGGETELO).
Ecco, sì, voglio nuovamente condividere con voi una nuova alternativa economica ed ancora più veloce allo shampoo (qui vi parlavo del metodo con la farina di ceci): il cowash.
Il cowash (conditioner-wash) è la tecnica di lavaggio della cute e dei capelli con il balsamo e lo zucchero. Stop. Basta. Niente più.
Questo metodo di lavaggio ormai famoso un po’ ovunque ed adatto a tutti i tipi di capelli, è particolarmente indicato però per chi ha i capelli secchi, sfibrati, danneggiati, con tendenza alla desquamazione e che non devono essere stressati con frequenti lavaggi.

image
Ma perché proprio il balsamo? Il balsamo pur essendo formulato con ingredienti emollienti, idratanti e nutrienti come una maschera per capelli si differenzia da questa per la presenza in formula di tensioattivi che permettono un lavaggio dolce del capello e nello stesso momento si differenzia, per una presenza di tensioattivi meno “aggressivi” ed in percentuale minore, dallo shampoo: questo porta il balsamo ad essere candidato ideale per lavare la chioma cercando di mantenerla morbida, idratata e sana. Qualsiasi balsamo senza siliconi è adatto ma io uso lo Splendor’or per questioni qualità/prezzo.
Perché lo zucchero? In realtà lo zucchero non è indispensabile per la riuscita del lavaggio alternativo ma è utile in quanto aiuta la detersione facendo uno scrub al cuoio capelluto rigenerandolo. Lo zucchero ideale per il cowash è lo zucchero di canna perché tende a sciogliersi meno velocemente dello zucchero raffinato ma qualsiasi zucchero va bene! io ho usato quello di cocco ma va bene anche quello raffinato o di canna.
Le proporzioni? la ricetta in realtà è un po’ alla buona, bisogna regolarsi in base alla lunghezza del capello. Diciamo che la ricetta base prevede una tazzina da caffè di zucchero di canna e quattro tazzine di balsamo ma se vi sembra troppo poco balsamo aggiungetene o diminuite lo zucchero.
Per i capelli grassi? per chi ha il cuoio capelluto grasso ed intende utilizzare il cowash solo una volta ogni tanto è possibile aggiungere alla ricetta un mezzo cucchiaino di bicarbonato, non si può utilizzare sempre perché a lungo andare rovina il capello.

Ci sono delle regole da rispettare per far sí che si ottengano i migliori risultati possibili:

  • il balsamo deve essere NATURALE e non lo dico per mia pignoleria ma è la prima regola del cowash! Il balsamo deve essere privo di siliconi ed affini perché altrimenti lo sporco non verrebbe lavato via ma rimarrebbe intrappolato nella guaina che il silicone crea sul capello.
  • Il balsamo deve essere utilizzato proprio come uno shampoo a capelli umidi e massaggiato a lungo sulla testa, non aspettatevi schiuma di alcun tipo.
  • Indicativamente quando lo zucchero si è sciolto potete smettere di massaggiare.
  • Sciacquare, sciacquare, sciacquare bene ed abbondantemente ma non sprecate troppa acqua!

Un consiglio: dal momento che bisogna usare una quantità non proprio minima di balsamo consiglio di acquistarne uno economico che permetta un utilizzo smodato senza sensi di colpa per il portafoglio ed il balsamo Splend’or (al cocco o alle mandorle) è l’ideale perché oscilla tra gli 0,99€ ai 2€ per 250ml, è reperibile anche nei supermercati oltre che nei vari Acqua&sapone e Tigotá, non ha siliconi ed è fluido al punto giusto da ricordare uno shampoo aiutando la detersione ma se volete usarne un altro non esitate! image

Io utilizzo il cowash quando ho più giorni di palestra vicini e non voglio stressare le lunghezze con troppi shampoo, quando sono al mare ed intendo coccolare i capelli dalla salsedine e dal sole, quando sento i capelli danneggiati o quando ho un po’ di forfora secca che intendo mandare via e posso dire che FUNZIONA. Qui sotto sono io questa estate subito dopo il cowash (non ne ho una più recente perché non sto sempre a fotografarmi i capelli, perdonatemi) e i capelli come vedete sono davvero puliti!!
image

Ovviamente avendo i capelli grassi non mi aiuta a mantenerli puliti per più giorni ma è proprio questo quello che cerco: un lavaggio delicato e non stressante che mi permetta di avere i capelli voluminosi, puliti e morbidi tra uno shampoo e l’altro. Il cowash mi ha vista molto scettica al principio perché ero convinta che avrebbe solo appesantito i miei capelli fini ma non potevo sbagliarmi di più! Il fatto che sia economico e facilissimo da preparare mi spinge a consigliarlo senza batter ciglio.
Fatemi sapere se lo provate e buon wash wash 😉

Annunci

54 pensieri su “Quando il balsamo ti lava i capelli: il cowash.

  1. Avevo sentito parlare del cowash ma non avevo capito in cosa consistesse. Quindi: grazie!
    Ho i capelli grassi e non potrò usarlo spesso, evidentemente.
    Al momento lavo i capelli 4 volte a settimana, purtroppo non riesco a resistere, nonostante sappia che più si lavano e peggio è.
    Quel balsamo cmq attira molto.. al cocco!!!!

    Mi piace

  2. A me piace molto questo metodo soprattutto in estate quando non voglio usare lo shampoo tutti i giorni dopo il mare per evitare di ritornare calva dalle vacanze. Alle volte ometto anche lo zucchero.

    Trovo comodissimo il cowash anche per eliminare la forfora secca dalla cute e fare un bello scrub del cuoio capelluto 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Veramente funziona anche con i capelli grassi? I miei nonostante l’amore è shampoo senza roba brutta sono in stile “patate troppo fritte”…e mi prude la cute anche lei capricciosa e un po forforante….poi ho le stesse identiche tue tazzine per caffè, fosse anche solo per quello devo provare!!

    Liked by 1 persona

    1. ahahahaha guarda non dureranno mai come quando li lavi con lo shampoo se hai i capelli grassi ma sono una buona alternativa per nonnstressarli sempre con i tensioattivi degli shampoo che sono più aggressivi

      Mi piace

      1. considerando che ora mi durano puliti un solo malefico giorno, penso che un tentativo valga senz’altro la pena, quantomeno per rendere i miei capelli partecipi di tutti gli sforzi che sto tentando di fare per loro, che se ne fregano totalmente tral’altro….anarchici….

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...