TAG #0: espressioni dialettali

Inauguro i post domenicali della rubrica lifestyle con un tag che mi ha fatto gongolare appena l’ho visto: avendo un’indole da scimmia bertuccia sono sempre curiosa di sapere cose nuove e di farne scoprire a chi non ne conosce inoltre essendo romana sapevo che sarebbero uscite fuori espressioni particolari (volontariamente lascio stare gli insulti).

Dunque ecco le REGOLE:
1- Citare l’ideatore del tag Bloodyivy e da chi siete stati nominati, per me dalla magnifica Fragorosa-Mente
2- Raccontare delle vostre 4 espressioni dialettali più usate o preferite
3- Nominare qualche blog (anche solo uno), perché è una cortesia che si fa a qualche blogger. Avvertirli.

LE 4 (+1) ESPRESSIONI ROMANEimage

AO A CHI TOCCA N’SE NGRUGNA: un modo per esprimere l’inutilità del lamentarsi quando capita qualcosa di non voluto/inaspettatamente non piacevole. Si può tradurre con “A chi capita questa determinata cosa non si deve arrabbiare/rimanerci male”. Accompagnare questo modo di dire con una faccia molto diplomatica.

COME T’HO FATTO TE DISFO: tipica espressione mammifera nel senso pronunciata da madri irose, spesso accompagnata anche da “ti prendo a schiaffi a due a due finché non diventano dispari”.

PARE CHE T’HO DETTO COTICA: si utilizza quando uno dei due emittenti si offende o si arrabbia per qualcosa che ha detto l’altro, in particolare se riferito alla sua persona. Lo tradurrei con un “sei esagerato,stai reagendo come se ti avessi detto che sei poco furbo”. La cotica è la pelle del maiale

M’HA LASCIATO CO NA SCARPA E NA CIAVATTA: serve per esprimere disappunto quando si viene abbandonati in un momento importante. Normalmente accompagnato da una bella parolaccia colorita o un insuto tipo “magari domani se sveglia sotto un cipresso”.

NA CACIARA: questa si usa quando si vuole far capire che si sta facendo/stanno facendo molto rumore in un determinato ambiente. Di norma si utilizza nella frase “oh embè?! che è tutta sta caciara?” oppure “no no usciamo da qua che qiesti stanno a fa troppa caciara”.

Taggo a mia volta.

i love capelli ricci

gocce di salute

ideepensharing

a frenchie in my kitchen

Divertitevi e fatemi sapere le vostre espressioni dialettali 😉

Annunci

19 pensieri su “TAG #0: espressioni dialettali

  1. Grazie del tag! Purtroppo non ho una grande cultura dialettale ma ti posso dire che le espressioni che mi piacciono di più del dialetto veronese/veneto sono “sta roba l’è de carton” = fatta con materiali scadenti, valida per tutto, dalle auto ai vestiti, “andar a remengo” = andare in giro/sempre a spasso e “te scavesso le gambe sora i senoci” = ti taglio le gambe sopra le ginocchia, lo usano i genitori per dire ai figli di stare attenti se non vogliono essere “sgridati”! Ahahah!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...