Tra le tante cose che curo maniacalmente del mio corpo ( qualcuno un giorno disse che il nostro corpo è un tempio o qualcosa di simile e devo averlo inteso allo stesso modo in cui gli uomini intendono “la mia auto è appena uscita dal concessionario“) troviamo la mia dentatura: amo avere una igiene orale impeccabile e oltre a spazzolino elettrico, dentifricio, collutorio, filo interdentale e dentista cerco sempre nuovi rimedi per portare il mio smalto ad un colore leggermente più brillante senza danneggiarlo, il mio onesto ed amato dentista mi ha addirittura sconsigliato lo sbiancamento per vari motivi tra cui la “schiavitù” che comporta questa operazione e la non necessità per il mio caso. Dunque mi devo accontentare di piccoli espedienti e se naturali tanto meglio.

Ecco allora che arriva la radice di ARAAK o meglio ancora il Miswak che è la radice dell’albero di araak (Salvadora persica) che cresce in tutto il Medio Oriente, questa radice è portentosa: contiene fluoruri, silicio e vitamina C ottimi per uno sbiancamento dolce, per mantenere le gengive sane e contrastare l’insorgere di carie. *Momento superquark* Pensate  che veniva utilizzata già da Egizi e Babilonesi come spazzolino naturale e le sue fibre sono state promosse dalla Organizzazione mondiale della sanità per l’uso nell’igiene orale.salvadora_persica

E cosa ho io in meno degli Egizi e dei Babilonesi? NULLA  e armata di carta prepagata mi sono diretta nell’unico e-shop che ricordavo avesse questa radice http://www.lanaturasiamonoi.it sezione “I rimedi” (vi parlerò di questo shop in un altro articolo perché l’ho svaligiato più volte, la proprietaria Annamaria è di una disponibilità e gentilezza disarmante e i suoi prodotti, in particolare la bava di lumaca, sono fenomenali). Potete comunque trovare la radice in erboristerie o bioprofumerie fornite nelle vostre città. Al costo di 7 Euro mi sono portata a casa 5 radici che arrivano in una confezione simile a quella delle sigarette ma molto più colorata ed ogni radice confezionata una ad una.

image

La radice va decorticata, anche con le unghie non temete che è morbidissima, per un cm circa ad una estremità che verrà poi strofinata con delicatezza sui denti proprio come uno spazzolino una o due volte a settimana. Alla fine di ogni utilizzo la radice risulterà “sfibrata” come nella foto ma non va tagliata immediatamente per rinnovarne le proprietà: la stessa parte potete riutilizzarla per una settimana di seguito, finita quella allora va tagliata e decorticata nuovamente. In questo modo un bastoncino vi durerà parecchio tempo, ammortizzando la spesa.

image

Ma funziona? Sni. Purtroppo non ho avuto la costanza di utilizzo che avrei voluto dunque non so se effettivamente il potere sbiancante possa essere maggiore di quello riscontrato ma ho voluto provare la sua efficacia detergente utilizzandola proprio come un vero spazzolino (senza dentifricio ovviamente) per alcune settimane e quella è davvero meravigliosa! I denti risultano più lisci, più lucidi, più forti e senza dubbio PULITI, pulitissimi. Allora la radice di araak è perfetta da portare in viaggio, perfetta per chi beve tanto caffè e trovando spesso macchie sullo smalto vuole lucidarlo in modo naturale e perfetta per chi vuole provare nuovi rimedi.

Buono spazzolamento 😉

 

Annunci

17 pensieri su “Radice di ARAAK: sbiancare i denti naturalmente.

      1. Ahahahah ma davvero, non pensavo esistesse nel 2016 una roba simile XD sei un genio ad averla scovata! Fammi ben capire: strofini l’estremità sui denti e man mano poi si spelacchia (giustamente)? Lo fai dopo averli lavati e non risciacqui?
        Io l’ho provata la Konjac ma è stata una delusione completa! (se vuoi trovi la recensione sul blog) ma tutto il mondo la adora e mi è stato detto che probabilmente è stata colpa della mia presa da Kiko… ad ogni modo, continuo a vivere senza x)

        Liked by 1 persona

      2. ahahaha allora dopo averla decorticata la morsichi un pochino tabto per farla ammorbidire di più e poi la passi sui denti ed esattamente come nella foto si spelacchia. Non risciacquo e dipende…ho provato a denti già lavati per il concetto di sbiancamento e a denti non lavati per lavarli solo con questo xD comunque la konjazck o come diamine si scrive non mi ha mai attirato piu di tanto….però voglio leggere la tua esperienza ahahahah

        Liked by 1 persona

      3. Ahahahahah una cosa davvero primitiva insomma xD però è figa, se mi dovesse capitare sotto tiro la provo pure io 😀 anche io avrei voluto sbiancarli un pò ma il dentista me l’ha sconsigliato -_- …
        Sull’aggeggio Imetec per la pulizia del viso ci avevo fatto un pensierino: ho visto che ne vende qualcuno simile anche Kiko (sempre lui) solo che, se non sbaglio, questo non è meccanico, cioè non va a pile ma “con olio di gomito” ahahah… ci penso sù, se dovesse andarmi a finire come la Konjac… :S

        Liked by 1 persona

      4. si, metti in conto di sembrare un castoro le prime volte che la usi ahahaha (la radice). No, non sprecare i soldi con quello della kiko che ho letto davvero opinioni pessime…meglio spendere 30/40 euro per la imetec! che se poi la trovi in offerta la paghi di meno…non prenderla sul sito imetec ma su amazon o media word!

        Liked by 1 persona

  1. Credo di avere visto questa “cosa” in un programma tv. La puntata era girata in uno stato africano che non ricordo…e c’era gente che girava per strada con questo bastoncino in bocca! Lì avevano la fissazione dei denti superbianchi, quindi penso che effettivamente il risultato sia garantito, occorre solo costanza! 😊

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...